23:59
Comentarii Adauga Comentariu

Fluierul.ro vă dezvăluie Rețeaua de Presă Progresisto-Soroșistă Mondială. Ziarul Italian La Repubblica e O OFICINĂ a lui George Soros. Dezvăluiri în ziarul italian "Il Primato Nazionale" - "Quando De Benedetti faceva affari con Soros"

N.Red. (deocamdată în italiană - vom traduce acest articol extrem de bine documentat)

Il Primato Nazionale - "Când De Benedetti (șeful ziarului La Reppublica), făcea afaceri cu Soros"

Roma, 13 februarie - multe au fost spuse și multe s-au scris despre legăturile dintre Carlo De Benedetti și speculatorul George Soros: materialul obișnuit al conspirației, au zis unii, sau adevărurile care au scăpat de cenzură, au spus alții?

Sâmbătă 10 februarie, ziarul italian La Repubblica, un cotidian aparținând GEDI Publishing Group, grup care e acum prezidat de Marco De Benedetti după succesiunea pe care i-a făcut-o tatăl său Carlo De Benedetti în 2017, a publicat un articol elogios la adresa lui SOROS, un articol cel puțin proxenet, semnat de Ettore Livini, intitulat „Soros, filantropul care este acuzat de fiecare conspirație. Populiștii și dreapta îl acuză de 1000 de puciuri: ultimul ar fi anti-Brexit-ul".

Acest articol, ajunge de asemenea să inventeze un cuvânt nou care urmează să fie introdus cât mai curând posibil în dicționarul de neologisme : "Sorosfobia".

Articolul se termină într-un extaz total la adresa lui SOROS: "Atât de mulți dușmani, atât de multă onoare. El (Soros), trage direct pe Calea Lui“.

După care articolul marchează concluzia genială a lui SOROS "Trump este un pericol pentru lume, el vrea să creeze un stat mafiot" - a spus Soros la avos - "e deja un stat mafiot" - a spus el Davos -



Il Primato Nazionale - Quando De Benedetti faceva affari con Soros

Roma, 13 feb – Molto si è detto e molto si è scritto a proposito dei legami tra Carlo De Benedetti e lo speculatore George Soros: solito materiale proprio dei complottisti o verità scappata ad un’attenta censura?

Sabato 10 febbraio La Repubblica, quotidiano appartenente a GEDI Gruppo Editoriale ora presieduto da Marco De Benedetti dopo la successione del padre Carlo avvenuta nel 2017, ha pubblicato un articolo quantomeno ruffiano, firmato da Ettore Livini, intitolato “Soros, il filantropo che viene accusato di ogni complotto. I populisti e la destra gli imputano mille trame: l’ultima sarebbe anti-Brexit” in cui si arriva pure a coniare una nuova parola da inserire al più presto nel dizionario della neolingua: la Sorosfobia. Ecco la geniale conclusione: “Tanti nemici, tanto onore. Lui (Soros) tira dritto per la sua strada. «Trump è un pericolo per il mondo, vuol creare uno stato mafioso – ha detto a Davos –

Google e Facebook minacciano la democrazia; Paesi autoritari e big dell’hi-tech possono creare una rete di controlli orwelliana». La mappa della Sorosfobia è destinata ad allargarsi ancora”.

Un elemento rende il taglio complottista dell’articolo ancora più grottesco: la pubblicità dell’Espresso presente nella stessa pagina in cui spicca il titolone “Legami pericolosi”, ovvero quelli tra il leader della Lega, Matteo Salvini, e indefiniti uomini legati a Putin allo scopo di riempire le casse del partito. Secondo noi, tra questi uomini sarà presente sicuramente qualche rettiliano.

Non è la prima volta che i media di GEDI Gruppo Editoriale si genuflettono davanti a George Soros e ne tessono le lodi, spesso nei momenti di una sua maggiore vulnerabilità presso l’opinione pubblica italiana. Recentemente, l’anziano magnate ungherese è stato coinvolto in una vera tempesta mediatica a causa del finanziamento del valore di 400 mila sterline a favore di un gruppo anti Brexit in Gran Bretagna[1], e a causa dello scandalo che ha visto la sua Oxfam accusata dal governo britannico di aver coperto alcuni suoi dipendenti colpevoli di aver organizzato un vero traffico di prostitute ad Haiti[2].

A questo punto, ci siamo chiesti il motivo di un simile trattamento di favore dei giornali del gruppo di De Benedetti, e le risposte sono arrivate dopo una semplice ricerca che parte dagli anni ’80.

Una delle figure che lega Carlo De Benedetti a George Soros è Isidoro Albertini, emblematica figura del mercato mobiliare italiano. Sponsorizzato politicamente da Beniamino Andreatta e dall’allora governatore della Banca d’Italia Guido Carli, oltre ai forti legami con la famiglia dei banchieri Foglia di Banca del Ceresio, Albertini fece una rapida carriera come Presidente degli agenti di cambio della Borsa di Milano, per poi costituire la Albertini e co SIM agenti di cambio, ed essere nominato amministratore del Quantum Fund di Soros. Albertini favorì il primo investimento di George Soros in Italia: l’acquisto di un consistente e a buon mercato pacchetto azionario della Olivetti presieduta proprio da Carlo De Benedetti. In seguito Albertini dichiarò: “Intercettammo il pacchetto da alcuni azionisti minori che volevano vendere e una delle controparti fu appunto Soros, convinto che, pur nelle difficoltà in cui si trovava la società (erano i tempi della prima “crisi” di Ivrea), Olivetti aveva grandi potenzialità di recupero. In effetti fu così e Soros riuscì a realizzare un buon guadagno sull’investimento[3].

Quindi Soros aiutò l’azienda di De Benedetti ad uscire da una profonda crisi finanziaria, consentendo ad Olivetti di continuare il suo piano produttivo. All’inizio degli anni ’90, De Benedetti e Albertini sono finiti anche in tribunale accusati dalla Cise Spa e da altri sottoscrittori “per aver ordito una sorta di macchinazione, operata grazie alle influenze delle testate possedute dall’ingegnere, che avrebbe dovuto travolgere il Fondo Europrogramme, e consentire a De Benedetti di impossessarsi del patrimonio immobiliare del Fondo a prezzi di saldo”. Nel 1993, però il Tribunale di Milano ha respinto l’azione giudiziaria contro De Benedetti e Albertini.

Ricordiamo, a tal proposito, anche le sentenze positive ricevute nei diversi gradi di giudizio dall’ingegnere durante il lunghissimo procedimento giudiziario riguardante il Lodo Mondadori intentato contro Silvio Berlusconi e la Fininvest, chiusosi nel 2013 con la sentenza civile che condannava quest’ultima al pagamento di 494 milioni di euro alla CIR di De Benedetti come risarcimento dei danni economici. Curiosamente, lo stesso George Soros ha dichiarato di aver iniziato ad operare in Italia con la sua Open Society Foundations nel 2008  “per supportare le battaglie legali contro la concentrazione della proprietà dei media da parte dell’amministrazione Berlusconi[4]. Le attività legate al magnate sono sempre costellate da innumerevoli coincidenze.

Un altro anello di congiunzione tra lo speculatore ungherese e l’imprenditore naturalizzato svizzero è Edgar De Picciotto definito “uno dei banchieri più furbi di Ginevra”; quest’ultimo era socio in affari di De Benedetti ed entrambi sedevano nel Consiglio di Amministrazione della Societé Financière de Genève. Curiosamente, negli anni ’80 il figlio di De Picciotto era tra gli amministratori dell’Olivetti. All’epoca, De Picciotto, come Albertini, era nel CdA di Quantum Fund di Soros. Un’altra curiosa coincidenza.

Abbiamo quindi evidenziato il quadrato “magico” che ha legato negli anni ’80 e ’90 Carlo De Benedetti, gli amministratori del sorosiano Quantum Fund, Isidoro Albertini e Edgar De Picciotto, e George Soros. Nulla di illegale, ovviamente, ma questo può far meglio comprendere le ripercussioni sui contenuti informativi e il relativo taglio editoriale dei prodotti pubblicati sui media posseduti dall’oligarca dell’editoria italiana.

È per questo esemplificativa la data del 31 gennaio 1997[5].

Su La Repubblica vengono pubblicati tre articoli su George Soros: uno sulla pagina economica, in cui si esalta la presenza sempre più attiva del suo Quantum Fund nel sistema finanziario italiano, uno sulla pagina culturale firmato da Mario Vargas Llosa scrittore latino-americano promotore della legalizzazione della droga, in cui il magnate viene dipinto come un genio che dispensa saggezza filosofica sui mali del libero mercato, e l’ultimo sulla pagina editoriale firmato da Giorgio Ruffolo, esponente dell’allora sinistra tecnocratica italiana, in cui si glorifica Soros definendolo pentito delle speculazioni che ha operato in mezzo mondo e si consiglia di seguire il suo consiglio di introdurre una moneta unica europea.

Giorgio Ruffolo era tra gli eletti invitati alla riunione “Progetto Costituente Europa” organizzata, nel febbraio 1997, dalla Open Society Foundationsper decidere il lancio di una campagna continentale che dovrebbe portare alla formazione di un’assemblea costituente e quindi alla stesura della Carta Costituzionale Europea. Una specie di Bicamerale continentale insomma”. Tra gli altri partecipanti italiani anche l’immancabile Emma Bonino. Consigliamo di leggere interamente l’articolo del Corriere della Sera ripreso dal sito di Radio Radicale[6] ricordando che solo 5 anni prima Soros aveva contribuito ad affossare la lira e considerando tutto ciò che è avvenuto successivamente.

Ma il quotidiano di De Benedetti non era ancora soddisfatto dei tre articoli che idolatravano George Soros: perché non screditare ulteriormente Bettino Craxi, uno dei pochi politici italiani a criticare aspramente il magnate ungherese, con un ulteriore articolo pubblicato il medesimo 31 gennaio 1997[7]?

Non entriamo in merito alla incredibile e paradossale gestione della crisi del 1992 operata da Carlo Azeglio Ciampi e Giuliano Amato, ma è imbarazzante la strenua difesa che La Repubblica persegue degli allora Governatore della Banca d’Italia e Presidente del Consiglio, a distanza di 5 anni e viste le ripercussioni sul tessuto economico italiano, banalizzando le considerazioni di Craxi sulla questione. Per ascoltare le attualissime parole di Bettino Craxi sulla crisi del ’92 e su Soros, vi invitiamo a visionare il video “La svalutazione della lira nel 1992, Craxi contro Soros[8] e a leggere l’intervista a Bobo Craxi del giugno 2016 pubblicata da Il Dubbio[9]. Oltre a riproporre considerazioni del padre che aveva soprannominato il magnate “Squalos” e di lui parlava come di un “pescecane appartenente a quei poteri che volevano ridurre il nostro a un Paese debole e sottomesso” (triste profezia dello statista socialista), Bobo Craxi ha affermato: “Mio padre nel ’92 denunciò la speculazione del finanziere che aveva come obiettivo la distruzione dell’Italia. Oggi fa lo stesso con l’aiuto di gente come Di Maio: un fascista da monetine, con l’abito buono”, anticipando la nostra inchiesta sui legami tra Soros e il Movimento 5 Stelle pubblicata sulla rivista del Primato Nazionale di febbraio.

Merita di essere citata anche l’interrogazione parlamentare del novembre 1995[10] presentata da Antonio Parlato e Maurizio Gasparri, allora esponenti di Alleanza Nazionale, seguita all’esposto depositato da Paolo Raimondi e Claudio Ciocanti, presidente e segretario generale del Movimento internazionale per i diritti civili – solidarietà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano, “in cui si chiede l’apertura di un procedimento giudiziario nei confronti di Soros per verificare se la sua ammessa attività speculativa contro la lira sia stata fatta in violazione dell’articolo 501 del codice penale”.

L’esposto del Movimento internazionale per i diritti civili – solidarietà “mette in relazione la conseguente drammatica svalutazione della lira con l’incontro quasi cospirativo tenutosi il 2 giugno 1992 sullo yacht Britannia della regina Elisabetta d’Inghilterra, dove l’alta finanza britannica, massicciamente coinvolta nella speculazione degli strumenti derivati, concordava con uomini di Governo, quali Mario Draghi, direttore generale del Ministero del tesoro e Beniamino Andreatta, la privatizzazione delle Partecipazioni statali che, con l’attacco speculativo di settembre, sarebbe stata fatta a prezzi stracciati. L’esposto documenta anche il ruolo della finanziaria di Soros, il Quantum Fund, che ha tra i suoi amministratori Isidoro Albertini della “Albertini e co SIM agenti di cambio” di Milano e Edgar de Picciotto della Union Bancaire Prive’e (UBP) di Ginevra in attività poco lecite.

Come era logico presumere, ne l’esposto depositato presso il Tribunale di Milano ne l’interrogazione parlamentare hanno fatto chiarezza su una delle pagine più buie della storia economica italiana. Ricordiamo che solo i giudici francesi sono riusciti ad accusare in via definitiva per insider trading George Soros, nonostante lo stesso avesse portato la sentenza davanti alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo[11].

Sui rapporti tra De Bendetti e Soros non sarà infine inutile citare anche un dato risalente al 2005, quando l’allora esponente della Margherita, Francesco Rutelli, incontrò il magnate ungherese a New York, al 33esimo piano di un grattacielo con vista su Central Park. Dell’incontro dà notizia anche Repubblica, che tuttavia omette, non casualmente, un particolare interessante, riportato invece dal Corriere della Sera del 1° luglio 2005, a pagina 8, in un articolo a firma di Francesco Verderami, dal titolo significativo: “Rutelli vede Soros, De Bendetti fa da sponsor”. Sarebbe stato quindi l’imprenditore italiano a procurare a Rutelli il contatto con Soros. E non crediamo che quest’ultimo accolga tutte le “raccomandazioni” che gli arrivano dall’altra parte del mondo. Fra i due, evidentemente, c’era un rapporto consolidato.

Una piccola conclusione finale: troviamo molto divertente che i giornali della galassia De Benedetti, La Repubblica in testa, accusino di complottismo chi fa ricerca, portando elementi probanti a supporto, a proposito delle ingerenze di George Soros nella politica italiana e internazionale, e poi siano i primi a scorgere ovunque influenze russe, mai provate nonostante tutto il mondo progressista si stia impegnando tenacemente, palesate come giustificazione per elezioni passate dal’esito non congeniale e come spauracchio per votazioni future, arrivando anche ad insinuare che Masha e Orso facciano propaganda dalla loro casetta in Russia[12].

Francesca Totolo

NOTE

[1] George Soros ‘proud’ of donating £400.000 to anti-Brexit campaign: https://www.theguardian.com/business/2018/feb/11/george-soros-proud-donating-anti-brexit-campaign

[2] Scandalo ONG, orge e prostituzione nei paesi poveri: http://www.oltrelalinea.news/2018/02/11/scandalo-ong-orge-e-prostituzione-nei-paesi-poveri/

[3] Addio a Isidoro Albertini, un Signore di Piazza Affari. L’intervista al Sole: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2015-12-06/addio-isidoro-albertini-signore-piazza-affari-l-intervista-sole-165551.shtml?uuid=ACzU1MoB

[4] La Open Society Foundations in Italia: https://www.opensocietyfoundations.org/explainers/open-society-foundations-italy/it

[5] La Repubblica, archivio: https://ricerca.repubblica.it/ricerca/repubblica?fromdate=1997-01-31&todate=1997-01-31&month=01&year=1997&day=31&filter_people=george+soros

[6] Soros federalista europeo: http://www.radioradicale.it/exagora/soros-federalista-europeo-0

[7] Craxi – Ciampi, e’ polemica sulla svalutazione del ’92: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1997/01/31/craxi-ciampi-polemica-sulla-svalutazione.html

[8] La svalutazione della lira nel 1992, Craxi contro Soros: https://www.youtube.com/watch?v=52i6Y10rxMA

[9] Craxi: «Soros appoggia i populisti per distruggere l’ Europa»: http://ildubbio.news/ildubbio/2016/06/29/craxi-soros-appoggia-i-populisti-per-distruggere-l%C2%92europa/

[10] INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/15250 presentata da PARLATO ANTONIO (ALLEANZA NAZIONALE) in data 19951106: http://aic.camera.it/aic/scheda.html?core=aic&numero=4/15250&ramo=CAMERA&leg=12&tipoAtto=INTERROGAZIONE%20RISPOSTA%20SCRITTA&testo=interrogazione%204%2015250

[11] La sentenza francese contro George Soros, la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e i suoi giudici: https://www.lucadonadel.it/la-sentenza-francese-contro-george-soros-e-i-suoi-giudici/

[12] Fenomenologia di Masha e Orso, il cartone russo che ha conquistato il mondo: http://www.lastampa.it/2016/07/02/societa/fenomenologia-di-masha-e-orso-il-cartone-russo-che-ha-conquistato-il-mondo-vnlqLmvXLdwHKMjAnrvjgO/pagina.html

 

 


(Fluierul)


Linkul direct catre Petitie

CEREM NATIONALIZAREA TUTUROR RESURSELOR NATURALE ALE ROMANIEI ! - Initiativa Legislativa care are nevoie de 500.000 de semnaturi - Semneaza si tu !

Comentarii:


Adauga Comentariu



Citiți și cele mai căutate articole de pe Fluierul:

"On a Sunday", cântată de Ester Peony, va reprezenta România la Eurovision

Portugalia: Guvernul remaniat nainte de alegerile europarlamentare

On a Sunday, cntată de Ester Peony, va reprezenta Romnia la Eurovision

General american: SUA nu poate susține partenerii regimului Bashar al-Assad

Teodorovici, verificările ANAF: Ne vom uita la felul în care profitul se transferă

Berlinul avertizează că nu va mai extrăda germani în Marea Britanie post-Brexit

Donald Trump le dă din nou peste nas progresiştilor federalişti de la Bruxelles: "BREXIT-ul e o binecuvântare. Fiecare țară are dreptul la identitatea ei. Mama mea e născută în Scoția. Vom construi legături economice şi militare puternice cu UK"

MAE atenționează asupra unor amenințări teroriste n Macedonia de Nord; romnii sfătuiți să manifeste atenție sporită n zonele aglomerate

Steag rusesc, atârnat pe catedrala din Salisbury, la un an de la atacul cu Noviciok

Teodorovici, despre amedamentul PNL pentru majorarea alocației: Au făcut un joc ieftin

Teodorovici: Prima Casă, plafon de 2 miliarde lei, în 2019/ Va modificat: Este un program social

Teodorovici: Vom avea, cât de curând, o schimbare a modului în care românii plătesc acest ROBOR

Autoritățile din India au reținut 23 de suspecți în cazul atacului din Kashmir

Mike Pompeo va efectua luna viitoare o vizită oficială în Kuweit

BREAKING NEWS | CFR Cluj a găsit antrenor! Jose Peseiro, fostul tehnician al Rapidului, îi ia locul lui Toni Conceicao: agentul care-i face loc în Gruia l-a adus și pe Julio Baptista

EFEMERIDE ASTRONOMICE - 18 februarie

​Subiectele zilei: Ecaterina Andronescu se ncurcă n declarații. și propune sau nu segregarea elevilor?; Mai are Laura Codruța Kovesi susținerea populației?; Statistic, corupția n M.A.I. este n scădere. Practic, angajații ministerului nu mai sunt verificați

Javad Zarif cere Uniunii Europene să depună mai mult efort pentru menținerea acordului nuclear

Teodorovici: Niciun fel de poziție n afara țării nu mă interesează/Vom avea, ct de curnd, o schimbare a modului n care romnii plătesc acest ROBOR

Au curs medaliile pentru România la tenis de masă! Performanțele reușite în doar câteva zile de sportivii români

Teodorovici, întrebat dacă Iohannis va promulga bugetul: Mă aștept să-l întoarcă înapoi

OPINIE | Întrebarea la care trebuie să răspundă conducerea lui Dinamo

VIDEO | Credeați că le-ați văzut pe toate în fotbal? Rezultat șocant în Italia, cu un român implicat: 16-0 la pauză, oaspeții au avut doar șapte jucători și un scor final inimaginabil

SĂRBĂTORI RELIGIOASE - 18 februarie

Bancul zilei: Basm

Toader, despre cererea de recuzare a șefului de Secție de anchetare a magistraților, formulată de Kovesi: Dacă nu lucrează în dosar, nu ai motive să ceri

Fotbal - Liga I: Dinamo ratează intrarea în play-off, după 1-2 cu FC Botoșani

Dinamo a pierdut meciul cu FC Botoșani, scor 1-2, și ratează play-off-ul Ligii I Betano

Ion Cristoiu: Aducerea lui Nicolae Popa în țară–parte dintr-o mai amplă Operațiune politico-mafiotă

"S-a terminat, nu mai avem nicio șansă". Nistor, reacție sinceră după eliminarea lui Dinamo din cursa pentru play-off: "Suporterii vor vedea un nou Dinamo"

O fostă majoretă a făcut SEX cu un elev de 15 ani! Filmul XXX a ajuns pe INTERNET. VIDEO

A murit actrița Maria Teslaru

Dinamo - FC Botoșani 1-2! Coșmar pentru elevii lui Rednic, care pierd orice șansă la calificarea în play-off

Handbal feminin: Minaur Baia Mare, eliminată din Cupa României

Toader explică scrisoarea către miniștrii de Justiție din UE: A avut obiectiv cunoașterea realității juridice

Teodorovici, modificarea OUG 114: La CE, am avut discuții informale cu câțiva miniștri de finanțe

Nistor, reacție sinceră după eliminarea lui Dinamo din cursa pentru play-off: "Trebuie să ridicăm capul din pământ"

Daniel Popa face apel la fanii lui Dinamo pentru play-out: "Avem nevoie de ei lângă noi"

Business report: Pregătiri pentru un Brexit dur. Care sunt implicațiile imediate pentru afacerile din Romnia; Trucul orașului ascuns. Cum poți obține bilete de avion mai ieftine?

Înfrângere dureroasă pentru Boloni! Anderlecht a dat lovitura în prelungirile partidei

Teodorovici, întrebat despre o candidatură la europarlamentare: Categoric nu mă interesează

Vosganian: Declarația lui Teodorovici trebuie pusă pe seama euforie declanșate de votare bugetului

A murit actrița Maria Teslaru

BVB: O nouă emisiune de obligațiuni corporative emise de Bittnet Systems intră luni la tranzacționare

Andra Gogan, scene vulgare în faţa unor copii de 12 ani

"Vestele galbene": 140 de anchete în curs de desfășurare asupra suspiciunilor de violențe ale poliției

​Digi24: Cine e controversata soție a narcotraficantului El Chapo

EXCLUSIV/ Ce s-a ales cu Americanu’ din "La bloc", la 7 ani de la dispariția de pe sticlă!

Premierul polonez își anulează o vizită în Israel

"Sunteți fericiți, mulțumiți? Toată lumea e mulțumită". Prima reacție a lui Mircea Rednic după un nou moment negru din istoria lui Dinamo: "Fiind în play-out te gândești și la retrogradare"

Tudorel Toader, despre propunerile pentru Parchetul European: Prin Ordonanță putem crea baza legală

Simona Halep și-a aflat adversara din turul secund de la Dubai

Liga 1: Dinamo - FC Botoșani 1-2 / Dinamo ratează play-off-ul pentru al doilea an consecutiv

Liviu Ciobotariu, după ce a scos Dinamo din calculele pentru play-off: "Am venit cu lecția învățată". Ce spune despre noua echipă a "câinilor"

Condamnați la o nouă umilință! Dinamo pierde acasă, 2-1 cu FC Botoșani, și iese matematic din lupta pentry play-off! Moldovenii trimit și Viitorul pe loc de play-out!

Simona Halep o va înfrunta pe Eugenie Bouchard în turul doi la turneul din Dubai

LIVE TEXT | Gaz Metan - Sepsi se joacă ACUM! Deschidere rapidă de scor la Mediaș: Istvan Kovacs a dictat penalty

Victorie importantă pentru Sergiu Hanca și Cornel Râpă! Cracovia a învins Legia Varșovia

​​DigiSport: Halep a rămas fără antrenor! Cine ar putea să i fie noul tehnician. Atu-urile pentru viitoarea colaborare

Gaz Metan - Sepsi 0-1! Echipa lui Edi Iordănescu, ca și ieșită din cursa pentru play-off


Pag.1 Pag.2 Pag.3 Pag.4 Pag.5 Pag.6 Pag.7

Nr. de articole la aceasta sectiune: 375, afisate in 7 pagini.



ieri 06:09 CITATUL ZILEI